All’età di 17 anni lessi un libricino: “Illusioni” di Richard Bach (*in basso*), sì, proprio quello del gabbiano Jonathan Levingston. Ma questo libricino era diventato così prezioso per me allora, che le sue pagine iniziarono a squinternarsi per la quantità di volte che le avevo sfogliate. Sentivo che sollecitava lo sviluppo di mie sopite verità […]

Read More
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com